[ESCLUSIVA SS] GALLIPOLI – Calabro sbotta: “Da inizio stagione, contro di noi sanzioni mirate…”

Seconda sconfitta stagionale, prima fuori casa, e controsorpasso in vetta da parte del Mola: questo è il pesante bilancio della trasferta in quel di Molfetta che certamente non passerà alla storia come una delle più fortunate della stagione giallorossa ed è proprio il tecnico di Melendugno, Antonio Calabro, in esclusiva per SalentoSport, ad analizzare questa situazione: “Martedì al ritorno agli allenamenti dopo la sconfitta di Molfetta – spiega – ho avuto un lungo confronto con la squadra e ho notato che questa partita ha lasciato in tutti un grosso segno positivo, perché al di là del risultato, soprattutto nella prima frazione si è visto un Gallipoli imporre il proprio gioco e le proprie idee, sfiorando il vantaggio in più di una circostanza e tutto questo è sinonimo di grande personalità da parte dei miei ragazzi, poiché è giusto ricordare che quella barese è una squadra costruita per lasciare il segno in questo campionato”.

Oltre al risultato del campo e le conseguenze dal punto di vista della classifica, il Gallipoli torna da Molfetta con un pesante bilancio disciplinare, che preoccupa soprattutto in vista delle gare future. “Questo penso che sia il vero tasto dolente di questo avvio; noi ad inizio campionato abbiamo costruito una rosa per cercare di centellinare l’utilizzo di ogni nostro singolo elemento ed evitare soprattutto squalifiche nei momenti decisivi della stagione, ma in questo periodo il tutto mi sembra abbastanza difficile, perché come avviene spesso da inizio campionato a questa parte, le sanzioni della terna arbitrale sono mirate a colpire tutti quegli elementi sotto diffida, come è successo appunto a Molfetta con Vergori, ammonito per una simulazione inesistente, che probabilmente poteva portare ad un rigore che a mio parere appare abbastanza netto. Stesso trattamento riservato a Rescio nella gara interna con il Manduria a cui è stato sventolato un rosso diretto per un intervento non certamente da espulsione. Facendo un breve calcolo, alla dodicesima giornata avevamo ricevuto ben sei rigori contro, numeri che all’interno di un intero campionato non vanno a toccare nemmeno squadre che lottano per non retrocedere. Ora abbiamo ben cinque elementi sotto diffida e mi auguro soltanto che la terna non riesca a cogliere con la solita perfezione e precisione proprio quei calciatori che potrebbero saltare la delicata sfida di Francavilla”.

Dicembre è anche il mese del mercato di riparazione in cui molte cambiano volto radicalmente, voi come vi state muovendo in questa finestra invernale? “Ad inizio mercato ho avuto un incontro con la società in cui ho esposto le mie richieste che potrebbero servire a puntellare alcuni reparti, a mio parere un po’ più carenti rispetto ad altri; io personalmente in questo momento sono concentrato sul campionato, ma sono sicuro che la nostra società e soprattutto il nostro direttore Mino Manta faranno di tutto per soddisfare le mie richieste”.

Dopo la gara interna contro l’Ascoli Satriano ve la vedrete con Virtus Francavilla e Mola, da queste due gare potranno emergere le vere ambizioni della squadra? “Arrivati a questo punto della stagione e in questa posizione di classifica penso che il Gallipoli non debba temere nessun avversario, rispettiamo ovviamente tutti, ma su ogni campo cercheremo di dire la nostra, lottando sempre per il bottino pieno. Penso che la più difficile delle tre sfide sia proprio quella di domenica contro l’Ascoli Satriano, soprattutto viste le assenze a cui dobbiamo far fronte, ma sono altresì certo che chiunque scenderà in campo dimostrerà di meritare questa maglia”.

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati