[ESCLUSIVA SS] GALLIPOLI – Calabro: “La vittoria più bella. Stiamo vivendo un sogno, ma…”

È stato un derby vivo, vero e combattuto quello andato in scena allo Specchia tra Galatina e Gallipoli, con due squadre che senza risparmiarsi hanno cercato di portare a casa i 3 punti. Forse è proprio per le difficoltà della partita stessa che quella di ieri può essere considerata per Antonio Calabro, tecnico giallorosso, la vittoria sicuramente più sofferta ma anche la più bella di questo primo scorcio di stagione.

“Per come è avvenuto questo successo – ammette Calabro è stato straordinario. La squadra non ha giocato una delle sue migliori partite, di contro è giusto dare merito al Galatina, davvero un signor avversario; è venuta fuori tutta la compattezza del gruppo, la voglia di sacrificarsi dei singoli e della squadra. E a questo proposito ci tengo a fare i complimenti anche a tutti quelli che stavano in panchina, non hanno giocato, e che hanno sofferto con noi. Una menzione particolare per Laguardia: per un portiere abituato a giocare e spesso in squadre di vertice, non è semplice restare fuori, ma lui si sta comportando da professionista esemplare, accettando le mie decisioni con grande serietà”.

Ancora una volta all’inizio della ripresa, così come accaduto contro i Quartieri Uniti, un piccolo sbandamento della squadra, col rischio di compromettere quanto di buono costruito. “Penso sia un caso – spiega il mister – ci può stare prendere gol ad inizio del tempo; bisogna aumentare l’intensità e la concentrazione quando si ritorna in campo. Non possiamo permetterci di compromettere le partite. La squadra aveva speso molto, così ho voluto fare subito un doppio cambio per mettere forze fresche in mezzo al campo e proprio Savino ha risolto la partita”.

Ora un calendario che sembra in discesa, dovendo affrontare squadre che, per motivi diversi, non vivono un gran momento; l’entusiasmo è alle stelle, a Calabro il compito di evitare cali di tensione. “La concentrazione e gli stimoli – conclude l’allenatore – si mantengono alti con il lavoro. Viaggiamo con i piedi per terra. Abbiamo raggiunto questi risultati contro ottime squadre perché ci siamo applicati, abbiamo avuto grande spirito di sacrificio e tanta umiltà. Senza queste componenti non avremmo fatto quello che abbiamo fatto. Non dobbiamo mai dimenticare da dove siamo partiti, ora stiamo vivendo un sogno, per alimentarlo dovremo continuare sulla stessa strada, senza mollare di una virgola”.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati