[ESCLUSIVA SS] GALLIPOLI – Calabro: “Abbiamo peccato di presunzione. Da ora in poi andrà  in campo solo chi…”

È arrivata a Manduria la prima sconfitta in campionato per il Gallo, un successo di misura per i messapici maturato nei minuti finali grazie al colpo di testa di Potì, sugli sviluppi di un corner battuto da Malagnino. Il gol, subito proprio allo scadere, non è però motivo di rammarico per il tecnico giallorosso, Antonio Calabro, che preferisce porre l’accento sulla prestazione negativa dei suoi ragazzi.

“Aver subito gol al novantesimo – spiega l’allenatore del Gallipoli – non mi importa. Sono invece molto dispiaciuto per la domenica no. Tutti gli effettivi si sono espressi male: se questo è il risultato di una giornata no mi sta bene, può accadere, se invece è stato un appagamento mentale della squadra, e io non ho lavorato in tal senso per tutta la settimana, mi fa molto arrabbiare. Ne riparleremo martedì alla ripresa. Perdere in questo modo mi fa arrabbiare ancora di più, non vorrei che qualcuno pensasse siamo diventati dei fenomeni”.

Non vuole e non può certamente essere un alibi, ma è giusto sottolineare come fossero tante le assenze in casa giallorossa, che hanno privato il tecnico di potenziali alternative. “L’assenza di Savino per noi è stata fondamentale, perché lui ci garantisce l’equilibrio giusto. Siamo scesi in campo a Manduria con un nuovo modulo, che non avevamo mai fatto, ed abbiamo avuto la conferma che non possiamo giocare con la difesa a quattro, proprio per le nostre caratteristiche. Non siamo stanchi fisicamente, abbiamo peccato di presunzione: da ora in avanti andrà in campo solo chi mostrerà grande umiltà”.

Sul pericolo se questa sconfitta possa avere o meno ripercussioni sulla squadra il tecnico ha le idee molto chiare: “Chi avrà ripercussioni dopo questa sconfitta, difficilmente farà ancora parte di questo gruppo. Dovranno dimostrare tutti, nessuno escluso, di avere numeri e motivazioni per restarci. Le sconfitte devono servire sempre per capire qualcosa: io ho capito quanto di buono c’è stato in precedenza, le cose eccezionali che stiamo facendo”.

La conclusione di Calabro è per i tifosi giallorossi: “Un pensiero va a loro, che nonostante tutto anche ieri ci hanno accompagnato e non ci lasciano mai soli, facendo sentire un grande sostegno alla squadra”.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati