Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

[ESCLUSIVA SS] GALLIPOLI – Alessandrì: “Col Mola grande risposta di carattere, ma ora non fermiamoci…”

Alessandro Alessandrì, centrocampista classe 1979, dopo anni divisi tra serie C2 e D ha deciso quest’anno di scendere per la prima volta in Eccellenza sposando il progetto del presidente Barone, affermandosi fin qui come uno dei veri e propri trascinatori del Gallipoli.

Alessandro, domenica è arrivato il tuo primo gol stagionale in un momento molto importante e delicato per la squadra, che significato ha avuto? “Segnare per un calciatore è sempre una bella sensazione, ma sono ancora più contento per il fatto che il mio gol abbia contribuito a regale una vittoria importantissima alla squadra”.

Dopo due prestazioni non certamente esaltanti con Racale e Manduria, il mister aveva chiesto alla squadra una reazione, in questo senso come valuti la prestazione contro il Mola? “Penso che la risposta, soprattutto dal punto di vista caratteriale, ci sia stata, senza dubbio abbiamo ancora molto da migliorare e dobbiamo cercare di farlo giorno dopo giorno, seguendo con intensità e dedizione tutto ciò che il mister ci propone, ma domenica la cosa più importante erano i tre punti”.

Per il prossimo turno si va a San Severo, che avversario e che match ti aspetti? “Affrontiamo senza dubbio una delle squadre più forti e più attrezzate del girone, ma il nostro spirito nell’affrontare l’avversario sarà quello di ogni domenica e sicuramente non cambierà in base a chi troveremo di fronte”.

Tu a Gallipoli c’eri venuto da avversario nei tempi d’oro di questa piazza, ora che impressione ti sei fatto dell’ambiente? "Io in questo stadio ci ho giocato da avversario e già allora la piazza mi aveva fatto una buona impressione, ma anche ora ho trovato un pubblico abbastanza caloroso, che non ci fa mai mancare il suo apporto, nonostante sia abituato a categorie superiori. Speriamo che nel corso della stagione riusciremo a regalare loro grandi soddisfazioni, perché per quanto dimostrato fin qui le meritano tutte”.