[ESCLUSIVA SS] GALATINA – Levanto, salvezza ‘in poltrona’: “Ci stavamo preparando allo spareggio…”

Il Galatina si è salvato domenica scorsa senza dover scendere in campo. L’impresa del Grottaglie, nel playout di Serie D contro il Real Vico, non solo ha certificato la permanenza dei tarantini nella vecchia Interregionale, ma anche quella dei biancostellati (che avrebbero dovuto vedersela allo “Specchia” col Castellaneta, ora avversario del Francavilla Calcio) nella Premier League pugliese. “Ci stavamo preparando da tre settimane allo spareggio, convinti di potercela fare. Poi è arrivata questa notizia – ammette Dario Levanto ai microfoni di SalentoSport.net -. Non è bello aspettare, anche se devo ammettere che i ragazzi sono stati collaborativi, allenandosi e facendo sacrifici, dopo un’annata che ci ha visti fare 37 punti. Non era facile a livello mentale”.

Un Galatina che forse avrebbe potuto fare un campionato diverso se a dicembre non ci fosse stato un grosso cambiamento: “Avremmo potuto fare bene se a dicembre fossero rimasti tutti quelli che hanno lasciato. Ma di comune accordo con la società, abbiamo deciso di ridimensionare un po’ il tutto, facendo combaciare il lato tecnico e quello economico. Ci tengo però a ringraziare particolarmente i dirigenti e il presidente. Dopo un periodo buio, in cui abbiamo avuto una serie di sconfitte, hanno avuto fiducia in me e nel gruppo dei calciatori, sostenendoci e decidendo sempre con equilibrio”.

Nonostante le difficoltà, il Galatina poteva portare prima l’obiettivo a casa: “Penso che ci saremmo potuti salvare prima. Avremmo potuto vincere diverse gare che abbiamo perso o pareggiato proprio negli ultimi minuti. Nonostante tutto abbiamo fatto bene. Mi ha colpito il sacrificio dei ragazzi che hanno sempre mostrato disponibilità e hanno lavorato nei momenti difficili. Merito anche alla società che ci ha sostenuto”.

Il futuro può attendere: “A questo non ci penso. È presto. Vedremo quello che mi si prospetta. Adesso ho staccato la spina”, conclude il tecnico di Cutrofiano.

Articoli Correlati