[ESCLUSIVA SS] GALATINA – Giorgetti: “Ottimo avvio di stagione. Su Levanto e sulle prossime sfide dico…”

F. Giorgetti (@D. Longo)

Foto: F. Giorgetti (©D. Longo)

È l’uomo del momento in casa Galatina. Francesco Giorgetti è un fattore fondamentale per la Pro Italia allenata da Dario Levanto. Non solo per i suoi gol, cinque, che gli consentono di guidare la classifica cannonieri della Premier League pugliese, ma anche per le prestazioni di spessore. Ai microfoni di SalentoSport.net, l’ex Lecce ha parlato a tutto tondo, degli obiettivi dei biancostellati, del rapporto con il tecnico e dei prossimi impegni d’alto livello, contro Gallipoli e Casarano.

Francesco come giudichi l’inizio della Pro Italia? Siete in linea con i vostri piani o vi aspettavate qualcosina in più?

Penso che l’inizio della Pro Italia sia stato abbastanza buono e positivo soprattutto in casa, ma anche fuori perché si è vinto a Casarano. Ma qualche caduta in trasferta magari, giocando anche bene, ma giunta a causa di episodi, ci può stare.

Pesa di più la sconfitta di Trani o quella contro la Sudest?

A Locorotondo io non c’ero però ho visto la partita in tv e posso dire che abbiamo preso due tiri e altrettanti gol giocando un buon calcio; ma a volte bisogna buttarla dentro una volta in più dell’avversario per prendersi i tre punti. Forse a Trani abbiamo perso un po’ di più la testa per 15 minuti, dopo il loro gol del 2-0 che è avvenuto con un tiro da 35 metri, con la palla che é saltata male davanti alla porta. Però sono sconfitte che fanno crescere il gruppo, sia giocatori giovani che esperti, e quindi le prendiamo come una delle sconfitte costruttive da cui trarre vantaggio e non sbagliare più come ci dice mister Levanto.

Qual è il vostro segreto? Cosa ha contribuito a dare l’arrivo di un tecnico come Dario Levanto?

Non abbiamo segreti ma abbiamo un grande gruppo fatto da persone che si rispettano. Mister Levanto a mio modesto parere penso che sia un ottimo trainer, con delle idee precise e penso che si siano viste in queste giornate iniziali sia sul piano del gioco ma anche a livello di spogliatoio e di rapporti con la società. Penso che sia una gran persona e un grande uomo. Avendo fatto anche il calciatore ad un certo livello sa gestire il gruppo in maniera quasi perfetta.

Parliamo dei prossimi impegni: domenica siete al Bianco per il derby contro il Gallipoli. Che partita ti aspetti?

Domenica c’è un altro derby e sarà una gran bella partita maschia e anche fantasiosa. Spero con un buon pubblico sia galatinese che gallipolino. Loro sono una buona squadra, fatta per vincere con dei giocatori esperti e che hanno fatto categorie anche superiori come il mio amico Villa. Noi fin qui abbiamo ascoltato il nostro tecnico che prepara bene le partite e seguiremo anche in questa gli accorgimenti tecnici e tattici che ci darà. E poi è un derby può succedere di tutto .

Capitolo Coppa Italia: credete nella qualificazione contro un Casarano che sembra cambiato molto rispetto a quando lo avete battuto in campionato?

Per quanto riguarda la Coppa Italia, non penso che il Casarano abbia cambiato molto rispetto a quando ha perso con noi. Ma ha cambiato modo di giocare e forse si e adeguato alla categoria. Comunque sia la qualificazione è apertissima, anche se naturalmente loro sono favoriti per il gol dell’andata. In ogni caso, siamo un grande gruppo e una grande società. Infine, vorrei ringraziare i compagni per cinque gol segnati in campionato.

Articoli Correlati