[ESCLUSIVA SS] ECCELLENZA – Fanigliulo a caccia di nuove sfide: “Ho una voglia matta di riprendere. Giocare in Promozione? A patto che…”

fanigliulo pierandrea

Foto: P. Fanigliulo

Nelle piazze in cui ha giocato con continuità, Novoli, Maglie e Racale ha lasciato sempre buoni ricordi, forse per quella sua propensione al sacrificio e a combattere nonostante nasca come un giocatore “di fantasia” e tecnica. La sua avventura nell’ultima Eccellenza, con la maglia del Racale si è conclusa con l’uscita di scena di Dario Levanto ma ora Pierandrea Fanigliulo è pronto per ripartire e svela le sue intenzioni in esclusiva per Salentosport.

Partiamo dalla fine: dopo un periodo lungo di inattività “forzata”, quanta voglia di campo e di calcio hai? “L’inattività più che forzata è stata una scelta personale ponderata, andando a pesare tutti i pro e i contro che questa scelta comportava. E onestamente i primi battevano nettamente i secondi. Ho una voglia matta di riprendere, ma senza fretta e cercando di fare la scelta giusta sotto tutti i punti di vista”.

Le ultime due stagioni a livello personale sono state probabilmente positive, non si può dire altrettanto in generale (retrocessioni con Maglie e Racale tra mille difficoltà societarie). Cosa ti porti dietro? “Mi porto dietro quanto di buono fatto a livello personale, che per fortuna non è poco. Anche quest’anno tra mille difficoltà e colpi di scena da ‘film americano’ siamo riusciti a collezionare buoni risultati; la fotografia delle nostre potenzialità è stato il mese in cui noi giocatori abbiamo fatto cerchio intorno a mister Levanto e insieme abbiamo deciso di lasciare i problemi fuori. Da qui sono arrivati i risultati con la capolista Molfetta e il Gallipoli che militava in zona playoff per esempio; ma oltre ai risultati in campo, dimostravamo col gioco e le nostre qualità di potercela giocare contro chiunque a testa altissima. Quindi nel fagotto di esperienze per fortuna ne ho tante positive, ho conosciuto tra l’altro tante persone splendide trovando gruppi di compagni fantastici e ho avuto l’onore di conoscere e lavorare con due uomini, prima che allenatori, come Volturo e Levanto. Quelle negative ci sono e purtroppo sono sempre più comuni a causa della crisi; serviranno da insegnamento per il futuro”.

Queste esperienze negative ti hanno demotivato o ti senti pronto per rimetterti in gioco, magari anche ripartendo da una categoria inferiore all’Eccellenza? “Come detto, non le reputo esperienze negative. È giusto ricordare il risultato finale, ma anche quando il Maglie veniva etichettato come ‘il Barcellona di Puglia’ o quel piccolo mese più che positivo con il Racale. Quindi dubbi se rimettermi in gioco o meno non me ne sono mai posti. Sulla categoria, vedremo cosa accadrà. Scendere in Promozione per fare un campionato di vertice come quello appena concluso da Casarano e Virtus Francavilla avrebbe senso, altrimenti non credo di prendere in considerazione di scendere di categoria”.

Capitolo futuro: dove vedremo Fanigliulo nella prossima stagione? “Ho parlato con il mio procuratore e dipende tutto dalla partenza di Cavani, qualora dovesse partire si innescherebbe un effetto domino che arriverebbe alle nostre categorie (sorride, ndr). Scherzi a parte, qualcosina si muove, ho già ricevuto un’offerta per un’Eccellenza oltre regione, ma al momento non prendo in considerazione l’ipotesi di andare a giocare nuovamente fuori, poi non si sa mai. Mentre in zona, aspettiamo senza fretta l’evolversi di qualche situazione in dirittura d’arrivo”.

Luigi ALEMANNO
Giornalista pubblicista dal 2011, vicedirettore di SalentoSport.net. Responsabile della redazione sportiva di Teleonda dal 2009 al 2012, corrispondente per Piazzasalento dal Comune di Gallipoli dal 2012 al 2014, responsabile della comunicazione per la S.S.D. Gallipoli Football 1909 Srl dal 2012 al 2015.

Articoli Correlati