ECCELLENZA – Il punto dopo la 24ª giornata

La ventiquattresima giornata del campionato di Eccellenza, settima di ritorno, sancisce l’aggancio al Gallipoli, in vetta alla classifica, della Fidelis Andria. Gli uomini di mister Ragno, al ventunesimo risultato utile consecutivo, sbrigano la pratica Molfetta grazie alla rete di Strambelli. Per la neo-capolista anche il miglior attacco con 47 gol all’attivo, e la miglior difesa, con sole 11 marcature subite.

Frena il Gallipoli, fermato sull’1-1 dal Galatina. Al vantaggio giallorosso di Savino, risponde Verri, entrato in campo da appena 4 minuti. Un buon pareggio, che rilancia le ambizioni dei biancostellati in chiave salvezza. Nel big-match di giornata tra Mola e Casarano, sono i leccesi ad avere la meglio. Tre punti pesantissimi che accorciano a cinque le lunghezze dalla vetta. La squadra di mister Rogazzo sfodera una buona prestazione, contro un avversario non apparso però in gran giornata. Sotto di due gol (Prinari e Regner i marcatori rossazzurri), il Mola accorcia le distanze con un rigore dubbio di Rana, ma non impensierisce mai più di tanto i rivali.

Risultato rotondo per il Vieste, che si sbarazza con un secco 4-0 dei Quartieri Uniti Bari, sempre relegati al penultimo posto. Ma il pesante passivo non deve trarre in inganno: i baresi hanno infatti colpito due traverse e sfiorato più volte la marcatura. Nel Vieste vanno a segno il solito Rocco Augelli e Salerno, autore di una tripletta che gli consente di andare in doppia cifra, con ben 10 reti messe a segno in altrettante giornate (una media di un gol a partita).

Riprende la sua corsa verso la zona playoff la Virtus Francavilla, che dopo l’inopinata sconfitta casalinga contro il Mola, ritorna al successo sull’ostico campo del Copertino, grazie al rigore, per la verità  molto contestato, di Coquin. Resta in scia l’Ostuni, che in appena sette minuti sbriga la pratica Ascoli Satriano, grazie alle reti di Caputo e Giorgetti. Si mette a distanza di sicurezza dalla zona pericolante della classifica il Trani, trascinato dalla tripletta di Di Pinto e dalla segnatura di Matera, contro un Manduria come al solito volenteroso ma privo di grossi contenuti tecnici. I tarantini, affidati alle cure di mister Bullo, che ha rilevato Mirko Sarli, sembrano ormai quasi inesorabilmente condannati alla retrocessione diretta.

Non si fanno male Castellaneta e Massafra. Avanti di due gol, gli uomini di Walter Lippolis si fanno riacciuffare sul 2-2 all’ultimo minuto. Non è stata una giornata memorabile per Piero Calabrese. La pesante sconfitta casalinga con la Sudest ha portato alle dimissioni dell’ormai ex tecnico del Francavilla calcio. Il sodalizio brindisino ha deciso di affidare la guida tecnica ad Enzo Carbonella, per giocarsi le residue chances di salvezza.

QUI CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Articoli Correlati