ECCELLENZA – Il Gallipoli allunga, brusco stop per Andria e Mola, Vieste e Molfetta rivedono i playoff: il punto

Giornata di grandi emozioni quella andata in scena, domenica scorsa, sui campi dell’Eccellenza. Il ventinovesimo turno del massimo torneo regionale ha regalato risultati a sorpresa e colpi di scena dell’ultimo minuto. Ne sa qualcosa il Gallipoli, che fino all’89’ era già con un piede in Serie D. Ci ha pensato Rosciglione a rovinare la festa, regalando, al Casarano, un insperato pareggio. In vantaggio di due reti, infatti, i giallorossi si sono fatti rimontare proprio sul finale di gara. Si tratta del quarto pareggio stagionale nei confronti diretti, tra coppa e campionato. Con questo punto, il Gallipoli allunga a +3 sulla Fidelis Andria, uscita sconfitta dal comunale di Ostuni. Uno stop inatteso, che ora complica i piani degli uomini di mister Ragno. Nella vittoria dei brindisini, ancora una volta lo zampino di Volpicelli, che si conferma sempre più bomber di razza.

Una doppietta del vice-capocannoniere del torneo, Salerno, consente al Vieste di sbancare il campo del Mola, che ora può, definitivamente, dire addio, ad ogni velleità di vittoria. A cinque giornate dal termine, il distacco di cinque punti dalla capolista Gallipoli sembra incolmabile. Al termine della gara, mister Caricola ha rassegnato le proprie dimissioni. Voci di corridoio raccontano di contatti avviati con mister Sgobba. Per il Vieste torna, invece, ad alimentarsi, il sogno playoff. Il gap dalla seconda resta ancora maggiore di dieci punti, ma ora si è ridotto a undici. Stesso discorso per il Molfetta, che occupa, in coabitazione con i foggiani, la quinta piazza. Ai baresi è bastato il primo tempo per liquidare la pratica Francavilla, con il classico risultato all’inglese. L’altra squadra della città degli Imperiali, la Virtus, non riesce ad andare oltre lo 0-0 casalingo col Galatina e questo risultato è lo specchio di tutte le occasioni mancate, nel corso della stagione, dai biancazzurri.

Una rete di Radicchio, allo scadere, evita la sconfitta al Massafra. Il 2-2 in casa con la Sudest vale, ai tarantini, il quinto pareggio consecutivo, che non allontana dalla zona rossa della classifica. Obbiettivo salvezza, ormai raggiunto, invece, per la squadra di mister D’Ermilio. Non si fanno del male Ascoli Satriano e Trani, che firmano il secondo 0-0 di giornata. Un punto che, forse, accontenta di più gli ospiti. Negli scontri diretti in fondo alla classifica, importante successo del Copertino, che, affidato in settimana alle cure di mister Mosca, liquida il Castellaneta col punteggio di 2-1, e sussulto d’orgoglio per i Quartieri Uniti Bari, che si sbarazzano, per quattro reti a una, del Manduria, e lo condannano alla ormai, quasi definitiva, retrocessione.

Articoli Correlati