COPERTINO – Rizzello: “Io e Morello possiamo coesistere”. E sul Gallipoli…

rizzello-pantaleo

Foto: P. Rizzello

Se nel pre-campionato, complice l’impiego in alternanza da parte di mister Volturo, Rizzello e Morello sembrava potessero rappresentare l’uno l’alternativa dell’altro, l’inizio della stagione ha invece fornito indicazioni differenti. Ed infatti i due attaccanti rossoverdi hanno confezionato il gol del vantaggio a Manduria.Possiamo coesistere senza problemi afferma Rizzello – ci siamo cercati spesso, duettando in modo apprezzabile. È stato proprio Stefano a pescarmi quando ho sbloccato il risultato. Per quel che riguarda la posizione, ci siamo alternati come punta più avanzata, mettendo in mostra un buon feeling tra di noi e con il resto della squadra”.

Ancora non del tutto digerito per l’ex attaccante del Galatina il pareggio maturato nella seconda frazione di gioco: “Per lunghi tratti abbiamo sciorinato un buon calcio, sfiorando il raddoppio. Purtroppo la seconda segnatura non è arrivata e siamo stati raggiunti nella ripresa pagando la prima disattenzione della partita. Meritavamo il bottino pieno”

Giovedì contro il Gallipoli, squadra in cui Rizzello ha militato in passato: “Con il club giallorosso ho vinto il torneo di Eccellenza con Antonio Toma in panchina, realizzando dieci reti da under. Il complesso jonico è quadrato, ma noi siamo abituati a cercare sempre di imporci”.

Anche Stefano Morello è un ex giallorosso: “Delle due annate vissute a Gallipoli serbo un buon ricordo, in quanto c’era un entusiasmo contagioso, frutto delle promozioni a catena conquistate negli anni precedenti. La tifoseria era fantastica per il calore che riservava al proprio team e per le coreografie che metteva in scena sugli spalti. Peccato che ora il Gallo sia costretto a sgomitare in Eccellenza, ma purtroppo i tempi cambiano e non è semplice restare ad alti livelli”.

Ora però si pensa solo al Copertino: “È la legge del calcio. Sono un atleta del Copertino e proverò a regalare un successo alla mia squadra. Del resto ho già affrontato il Gallo nel 2012/2013 col Manduria e ho anche segnato al Bianco, direttamente su punizione. La sfida terminò 1-1”.

I punti di forza del Gallipoli: “Si tratta di una squadra di indubbio spessore, ben guidata da un tecnico preparato come Antonio Calabro, che ha nel bomber Alberto Villa l’uomo più pericoloso. Ma è tutto il collettivo comunque a meritare rispetto”.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati