Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

AVETRANA – Ufficiale, si separano le strade tra i biancorossi e mister Viscido

Ora è ufficiale. Come anticipatovi QUI, le strade dell’Usd Avetrana e di Gerardo Viscido si dividono. Di seguito il comunicato ufficiale in cui la società biancorossa spiega le ragioni che hanno portato al divorzio dal tecnico campano:

“L’Usd Avetrana comunica di non poter più proseguire il rapporto con mister Gerardo Viscido. I problemi logistici, infatti, legati alla sua condizione d’insegnante a Salerno, che gli avrebbero imposto di percorrere centinaia di chilometri ogni giorno, così come avvenuto nei mesi scorsi, avrebbero comportato un grosso sacrificio da parte sua, tale da non trovare corrispondenza in un progetto tecnico all’altezza del sacrificio compiuto. Con la morte nel cuore, siamo costretti a separarci da Gerardo Viscido, professionista esemplare e dalle indiscusse qualità umane, capace di scrivere, insieme ai ragazzi, allo staff tecnico e ai dirigenti tutti, una pagina eroica del calcio biancorosso. Nessuno sportivo avetranese, infatti, potrà mai dimenticare la storica cavalcata dell’anno scorso, che rimarrà per sempre nei cuori di tutti e negli annali della storia sportiva della nostra piccola comunità. Per tutte queste ragioni, l’Usd Avetrana ringrazia Gerardo Viscido e gli augura le migliori fortune sia dal punto di vista calcistico che dal punto di vista umano, nella speranza che prima o poi le nostre strade possano nuovamente tornare a incrociarsi. Nel frattempo, la società sta valutando il nuovo progetto, che resta comunque ambizioso e si è subito rimessa a lavoro per allestire una rosa che possa ben figurare e centrare immediatamente l’obiettivo. Vogliamo divertirci e far divertire, assicurando la giusta continuità rispetto al discorso cominciato nella passata stagione. L’Usd Avetrana prende le distanze da tutte le voci circolate nelle ultime ore e rimanda, per ogni notizia ufficiale, a questo e ai prossimi comunicati”.

Viscido, con ogni probabilità, sarà sostituito da Giuseppe Branà.