Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CALCIO AMATORIALE – Rimonta in extremis, la Salentodorica mantiene l’imbattibilità 

Nella settima giornata del campionato CSI Provinciale di Bologna la Salentodorica viene fermata sul 2-2 dal Real Zola. Di Choufi e Totaro le reti dei salentini.

Dopo una settimana di silenzio per rispetto del lutto che ha colpito il giocatore salentino Gerardi, durante la quale si è giocato il big-match tra la capolista giallorossa e la Longobarda (finito 5-1 per la Salentodorica) la squadra del presidente Spaziani torna in campo per affrontare il Real Zola. Match caldissimo visti i precedenti fra le due squadre.

Il Real Zola, reduce da un campionato mediocre, non ha ancora digerito la rotonda sconfitta nella finale del Trofeo Giacobbe inflittagli dai giallorossi per 3-0. A sorpresa il Real Zola schiera già dai primi minuti i due uomini tesserati per l’occasione, Mazzetti, portiere che ha militato in Eccellenza e Daniele Daino, ex giocatore di Milan, Napoli, Perugia, Derby Country, Ancona, Bologna, Modena e Gallipoli. La cosa non ha certamente lasciato indifferente i giocatori della Salentodorica, orfani di Mr. Scarpetti, assente per problemi personali.

Pronti via e da un calcio di punizione battuto dal limite dell’area giallorossa, Daino insacca con una saetta che Corsini non riesce nemmeno a vedere. Uno a zero per il Real Zola. La Salentodorica, da canto suo, interpreta un’ottima partita, sfiorando più volte il gol e vedendosi annullare una rete per un fallo fischiato a Totaro che – a detta dell’arbitro – ha protetto in area il pallone con troppa veemenza. Ma le proteste non servono. Anzi, a pochi minuti dalla fine del primo tempo, da un’incomprensione difensiva tra Corsini ed un nervosissimo capitan A. Chirivì, nasce il raddoppio del Real Zola con Carruba, abile ad insaccare di testa il pallone del 2-0. Si va al riposo.

Nella ripresa la musica non cambia, la Salentodorica attacca ma trova più volte Mazzetti che come una saracinesca chiude tutte le conclusioni avversarie prima su Papadia, poi su Totaro e su W. Chirivì. A metà del tempo, Totaro viene atterrato fallosamente in area. Calcio di rigore. Dal dischetto va Willy Chirivì ma il bomber salentino calcia clamorosamente a lato. Il nervosismo cresce da ambo le parti. Diverse scaramucce in campo. Il Real Zola fallisce un paio di volte il pallone del KO prima spedendo un tiro sul palo, poi con un salvataggio di Maggio sulla linea di porta. Si arriva nel finale. L’arbitro fischia due minuti di recupero. Così R. Choufi recupera da centrocampo si invola verso la porta avversaria, supera in dribbling diversi avversari e insacca di punta la rete che riaccende la speranza. C’è ancora tempo per un calcio di punizione dal limite per il Real Zola sciupato da quest’ultimi. Dal capovolgimento di fronte però sempre R. Chofi, dribbla avversari come fossero birilli ma viene atterrato nella trequarti avevrsaria. Della punizione de ne occupa il bomber W. Chirivì ma questi anziché tirare elude gli avversari con un passaggio perfetto per Maggio che dal lato destro dell’area lascia partire un cross rasoterra che Totaro trasforma magicamente di tacco. E’ l’apoteosi per la Salentodorica, il putiferio per il Real Zola.

Finisce con un rocambolesco 2-2 una partita nervosa e di alti livelli. Il pareggio è il risultato più giusto. La Salentodorica interrompe così la serie di vittorie consecutive (che era arrivata a cinque) ma conquista un pareggio che vale più di una vittoria. I giallorossi torneranno in campo lunedì 29 novembre contro il Rasora per giocare l’8^ giornata di campionato.

Per statistiche e video sulla Salentodorica visitate la pagina facebook o il sito salentodorica.com.