CALCIO AMATORIALE – Di Vaio implacabile, il CLB supera una dignitosa Salentodorica

Lunedì sera ultima dell'anno contro il Real Zola

alessio chirivi marco di vaio salentodorica csi bologna 9-12-15

Foto: Alessio Chirivì e Marco Di Vaio

Si è giocato mercoledì scorso, 9 dicembre, l’atteso incontro, valido per la decima giornata di andata del campionato di Platinum Liga CSI bolognese di calcio a 7, tra la SalentoDorica e il CLB di Marco Di Vaio e Diego Perez. La squadra giallorossa ha avuto la fortuna/sfortuna di affrontare il CLB che, rare volte, in questo campionato, ha avuto ambedue gli ex giocatori di serie A disponibili in campo.

E’ finita con una vittoria del CLB con il risultato di otto a quattro, dopo una partita divertente che la SalentoDorica ha giocato ad armi pari per solo un tempo, concedendo troppo agli avversari che, nella ripresa, hanno approfittato del black out dei giallorossi per mettere in cassaforte la partita.

Al “Filippetti” di Riale, l’emozione e la tensione dei giallorossi, nell’affrontare due ex calciatori di Serie A, è più fitta della nebbia che cala sull’erbetta sintetica.

La SalentoDorica deve fare a meno di Angelini, che sarà disponibile per il girone di ritorno, e di Ezzyad e Scarano che hanno dato forfait all’ultimo momento, ma ha a disposizione una rosa di tutto rispetto. Partono dal primo minuto Rodolfi in porta, Chirivì e Scarpetti in difesa, Rimondini a centrocampo, Choufi e Conti sulle fasce e Sebasta in attacco. A disposizione, Lepore, Franchi, Salvino e Ruggeri.

Nel CLB che ha un bottino di sette punti in più in classifica rispetto ai salentini, presenti, come già detto, ambedue i giocatori importanti, Di Vaio e Perez.

Primo tempo sostanzialmente equilibrato. La SalentoDorica molto attenta in difesa, cerca di arginare le pericolose azioni offensive degli avversari. Perez a centrocampo fa girare bene il CLB e scambia spesso con Di Vaio, ma la coppia Chirivì-Scarpetti non si lascia intimorire.

A metà tempo circa, però, il CLB passa proprio con Di Vaio che in contropiede, da posizione angolata, trafigge Rodolfi. Anche la SalentoDorica punge in avanti e si fa’ pericolosa in un paio di occasioni e, pochi minuti dopo il vantaggio del CLB, pareggia con Choufi che raccoglie in area un assist perfetto di Conti,  e segna anticipando i difensori avversari.

La partita è divertente, il CLB ha il pallino del gioco in mano ma i giallorossi reagiscono bene. Ottima la marcatura di Chirivì sulle avanzate di Perez, efficace capitan Scarpetti in marcatura su Di Vaio.

Nonostante la meticolosa marcatura salentina, il CLB, riesce, però, a passare in vantaggio a pochi minuti dal termine della prima frazione di gara con Di Vaio che raccoglie al volo un assist dalla destra e, di prima intenzione, supera per la seconda volta Rodolfi. Si va al riposo sul due a uno per il CLB.

La ripresa inizia sulla falsa riga del primo tempo e il CLB trova, dopo cinque minuti, il gol del tre a uno con una conclusione da fuori area. Gol che spezza morale e concentrazione dei salentini che vanno totalmente in black out e, catapultandosi in avanti alla ricerca di un gol che riaprirebbe la partita, regalano, di conseguenza, troppi spazi agli avversari. E Marco Di Vaio, che già non ha bisogno di regali, lasciato inspiegabilmente libero, mette dentro altre tre reti, portando il bottino personale a quota cinque gol.

Prima del termine della partita, va a segno anche Perez per il CLB, mentre la SalentoDorica si risveglia troppo tardi e rifila tre gol in cinque minuti con Sebasta, Ruggeri e Chirivì.

Finisce, quindi, otto a quattro per il CLB che infligge l’ennesima sconfitta alla SalentoDorica che rimane sempre ancorata al penultimo posto in classifica.

Restano, comunque, frammenti di partita giocati ad alti livelli per i giallorossi contro un avversario davvero temibile e in forma perfetta. Peccato per quel quarto d’ora di black out dei salentodorici che ha vanificato quanto di buono era stato fatto fino a quel momento.

Resta, infine, la bella esperienza del team salentino che ha affrontato a viso aperto due giocatori che hanno militato, in un passato neanche troppo lontano, nel calcio che conta, in quel calcio che si sogna e si ammira a bocca aperta da bambini, fatto di figurine e partite in tv. Giocare contro giocatori che hanno vestito la maglia della Juventus, della Lazio, del Bologna e della Nazionale resta un ricordo da raccontare a figli e nipotini. Roba che non capita spesso a chi ama questo sport e che questo sport lo gioca a livello amatoriale. Ai giocatori della SalentoDorica è capitato. E capiterà ancora, i giallorossi sono già pronti per la rivincita di primavera in occasione della gara di ritorno.

Il prossimo match, però, è previsto per lunedì 14 dicembre contro il Real Zola in un’altra partita che si preannuncia davvero difficile.

Poi ci sarà la sosta invernale e a febbraio ripartirà il girone di ritorno.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

Lascia un commento