Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VOLLEY B2/m – Squinzano, a tu per tu con Fabio Giorlando

Questa settimana conosciamo Fabio Giorlando, 26enne palermitano, ruolo schiacciatore, alla sua prima stagione in gialloblù; studia scienze ambientali, sogna di andare a vivere in Australia oppure gestire un parco naturale o un’area protetta.

Da Palermo a Lecce, come ti trovi nel Salento?
Nel Salento mi trovo davvero bene, è il mio quarto anno dopo aver giocato tre stagioni di fila a Galatina dove mi sono integrato benissimo stringendo tantissime amicizie.

Come definiresti la squadra? E perché?
La squadra è cresciuta tantissimo dall’inizio della stagione, i risultati e le prestazioni lasciano ben sperare in qualcosa di buono e ciò non può che renderci più che soddisfatti, ma l’esperienza ci insegna che le somme si tirano a maggio, quando il campionato si conclude, quindi è d’obbligo restare con la testa sulle spalle e concentratissimi sino alla fine per fare sempre meglio.

Descriviti dentro e fuori dal campo
Io sono un ragazzo molto tranquillo nella vita di tutti i giorni, molto responsabile e paziente. Adoro stare in compagnia ma spesso tendo ad isolarmi per cercare un po’ di serenità interiore. In campo divento una iena! Per chi non mi conosce spesso posso dare un’impressione negativa, ma quando ci sono di mezzo adrenalina e competizione, credo non si debbano conoscere amicizie e giocare per vincere e raggiungere l’obbiettivo.

Cosa ti aspetti da questo campionato?
Mi aspetto tante sorprese che non sto qui a dire… spero tanto per me e per la mia squadra di poter avere un ruolo da protagoniste per toglierci qualche soddisfazione in più, e credo che a Squinzano lo meritano un po’ tutti.

I tifosi sono molto presenti. Che rapporti hai con loro?
I tifosi sono la ciliegina sulla torta che completa una squadra ed avere una tifoseria come quella di Squinzano è il massimo, non è facile da trovare in altre squadre. A volte i tifosi sono un po’ irruenti, ma per impegno e devozione alla pallavolo meriterebbero una statua! Quindi un grosso plauso va anche a loro che hanno contribuito partita dopo partita alla vittoria. Personalmente poi ho un ottimo rapporto con i tifosi, mi diverto tantissimo a ballare le loro canzoni! E spero di continuare a ballarle fino alla fine del campionato con il sorriso che finora ci ha contraddistinto.