Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VOLLEY B2/m – Lo Squinzano a + 4, il sogno continua…

Il sogno di cui parla tanto la squadra Parsec 3.26 Squinzano (l'ultimo a parlarne in un'intervista Daniele Pagano) si concretizza sempre più. Ennesima prova di forza e coraggio dei gialloblu, che nonostante le difficoltà di quest'ultima giornata, sono riusciti a conquistare tre punti d'oro. Adesso il gruppo di De Vitis è a + 4 sui Falchi Ugento, fermati dal Domar Altamura.

La partita, arbitrata dalla coppia Pasciari-Lanza, è cominciata con qualche problema per la capolista che inizialmente deve rinunciare al palleggiatore titolare Notarpietro, fuori a causa dell'infortunio al polpaccio subito ad Agnone. In campo è presente il Capitano Orefice, ma le sue condizioni non sono delle migliori (lo scorso venerdì in allenamento rimedia una leggera distorsione alla caviglia).

Ad accentuare queste difficoltà, l'avversario, ovvero i terribili giovanissimi guidati da Fanizza e Morales che riuscirono, per primi, nel girone di andata a togliere un punto alla Parsec.

La squadra di casa (la gara si svolge a Monteroni e non al Pala "Fefè De Giorgi" di Squinzano) schiera Asti-Orefice, Giorlando-De Blasi, Scrimieri-Trovè, ed il libero Francone. Il Castellana risponde con Pellegrino-Di Lella, Lomurno-Koutzezov, Bianco-Braico ed il libero Primavera. La compagine squinzanese inizia bene guidata da Giovanni Asti, prendendo un buon vantaggio, ma si fa riprendere sull'8-8. Riacquista subito un buon passo e va sul 16-10. Un vantaggio che permette ai ragazzi di De Vitis di chiudere intranquillità il 1^ set (25-19) grazie alla battuta sbagliata di Lomurno. Secondo set più incerto con gli ospiti che partono a mille ed al primo time out tecnico sono avanti 8-6. Da qui in poi i padroni di casa non riescono a trovare l'equilibrio a causa dei molti errori in attacco e soprattutto per la difesa ed il contrattacco del Castellana che si porta sul 16-10. Mister De Vitis toglie Orefice per Sisto e Scrimieri per Soda cercando di dare una scossa alla squadra, ma i ragazzi di casa non sono più in campo ed il set si chiude 25-13 per gli ospiti, grazie a un attacco del palleggiatore Pellegrino (sentiremo parlare di lui presto ad altissimi livelli) su muro fuori di Giorlando. Inizia il terzo set e, quando sembra che la Parsec abbia ripreso il binario giusto (8-6 il primo time out tecnico), si fa riprendere e superare 8-9. Non c'è più tempo per aspettare ed il Mister squinzanese getta nella mischia Notarpietro che, da vero leader, dopo aver subito fino al 10-14, tira su la squadra e al secondo time out tecnico il punteggio è sul 16-15 per i padroni di casa. Da qui, grazie ad una serie impressionante di battute di De Blasi si va sul 23-15 con i ragazzi di Fanizza che subiscono il prepotente ritorno della capolista, che chiude con un attacco di Giorlando 25-20 il terzo set.

La Parsec 3.26 è davvero carica, e parte bene con il ritrovato Notarpietro, portandosi sull'8-6. La squadra si ritrova forte e compatta e recupera qualche punto in più sino al 16-12. A questo punto il palazzetto di Monteroni esplode alla notizia della vittoria per 3-0 dell'Altamura sull'Ugento ed i mister De Vitis e Vannicola devono faticare non poco per far rientrare la concentrazione dei propri giocatori in campo e soprattutto fuori. A questo punto diventa fondamentale ottenere i tre punti per allungare a +4 sull'Ugento. La Parsec domina fino al 23-17, ma i bravissimi ragazzi di Castellana non mollano e si riportano sotto sino al 23-21. Braico sbaglia la battuta e siamo 24-21. Giorlando va in battuta e con un ace su Koutznezov chiude la gara 3-1 a favore della Parsec 3.26 Squinzano.

Ecco il tabellino di questa "pazza" gara:

Squinzano: Notarpietro (3° e 4° set, per lui 2 punti), Francone, Sisto (2° set, 1 punto), Panarese (1° e 3° set), De Blasi (10 punti), Pagano (4° set), Soda (2° e 4° set), Giorlando (10), Orefice (15), Scrimieri (8), Trovè (5), Asti (primi 3 set); Ricciardi n.e.

I gialloblu hanno realizzato 4 punti in battuta (6 gli errori) e 8 punti su muro; ricezione positiva 66%, perfetta 50%.

Castellana: Civita (3° set), Primavera, Lomurno (13 punti), Koutznezov (18), Pellegrino (4), Bianco (13), Laricchiuta (ultimi 3 set, 1 punto), Di Lella (8), Braico (4), Urago (3° set); Gramegna, Gasbarro n.e.

Una gara emozionante, ricca di tensione, colpi di scena e caratterizzata dalla buona notizia della sconfitta dei rivali. Ora lo Squinzano, più motivato che mai, guarda avanti alla sfida col Paglieta del 05 marzo.