Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: i ragazzi del "Banzi" e del "Galilei"

BASKET – L’IISS “Fermi” di Lecce si aggiudica la 1ª School Cup organizzata da HDL Nardò

L’IISS “Enrico Fermi” di Lecce si è aggiudicato la prima edizione della School Cup, iniziativa organizzata da HDL Nardò Basket che, a marzo, ha messo in competizione quattro istituti superiori di secondo grado della provincia di Lecce in un torneo di basket, una gara di ticketing, in una giornalistica e in una sui social network.

Le altre scuole che hanno partecipato sono il Liceo “Galilei” e l’IISS “Ezio Vanoni” di Nardò e il Liceo “Giulietta Banzi” di Lecce, ognuna rappresentata con una squadra composta da studenti, inquadrati in un organigramma con le figure di dirigenti, giocatori, allenatori, giornalisti, social media manager e altre.

L’epilogo, sabato scorso, prima di Nardò-Trapani di basket al Pala San Giuseppe di Lecce. Il “Fermi” ha avuto la meglio sul “Vanoni” per 102-74 per la finale di consolazione, mentre quella per il primo posto ha visto prevalere il “Banzi” sul “Galilei” per 77-49. MVP del torneo, Francesco Marcianò del “Banzi”. Particolare il format: tre tempi di gioco da dieci minuti più un quarto tempo ‘fairplay’ della stessa durata, ininfluente ai fini del punteggio finale, per far giocare tutto il roster a disposizione.

Il “Galilei” si è aggiudicata la gara sul giornalismo; il “Fermi” quello sui social e sul ticketing.

“Direi che abbiamo centrato l’obiettivo – evidenzia il General Manager di Hdl Nardò Basket Renato Nicolaiche era quello di coinvolgere una parte della popolazione scolastica salentina tra i 15 e i 19 anni e offrire – attraverso il basket e il campionato di A2 – un’opportunità di sviluppo sportivo, sociale e organizzativo. Nel segno della partecipazione, come dimostra in modo simbolico il quarto tempo “fairplay” delle partite del torneo di basket. L’idea è quella di allargare ad altre scuole in futuro e di coinvolgere altri ragazzi attorno a questo club e a questo splendido gioco che è il basket. Del resto, la nostra è una società che ha molta fiducia nei giovani e crede fermamente che lo sport sia fondamentale per la loro crescita e la loro formazione. Come sottolineiamo spesso, è la nostra anima sociale che guarda all’inclusione, al rispetto, al sacrificio, tutti valori sani che aiutano i nostri ragazzi a strutturarsi prima di tutto come persone e poi come atleti. Questa School Cup, sulla quale abbiamo impegnato tutte le aree di Nardò Basket, è stata rivolta proprio a giovani e giovanissimi, che hanno risposto entusiasticamente. Grazie a loro, grazie alle scuole, grazie a tutti quelli che hanno permesso di mettere in piedi una manifestazione di cui siamo orgogliosi. Complimenti a chi ha vinto e anche e soprattutto a chi ha perso, modello ed esempio di partecipazione”.