BASKET A1/m – Anticipo amaro, Enel Brindisi strapazzata da Reggio Emilia. Bucchi: “Partita bruttissima”

basket enel brindisi striscione

Nell’anticipo delle 12 dell’undicesima giornata Enel Brindisi cade malamente tra le mura amiche del PalaPentassuglia 53-79 contro la Grissin Bon Reggio Emilia. Bucchi schiera Cournooh, Cardillo, Banks, Kadji e Gagic, Menetti risponde con De Nicolao, Della Valle, Aradori, Polonara e Veremeenko.

Inizio di gara targato Reggio, Brindisi poco concentrata perde palla regalando punti preziosi. Coach Bucchi mescola le carte ma Reggio è determinata. Buone le iniziative di Reynolds dalla lunga e Harris per il –4 ma gli ospiti non ci stanno. Termina il primo quarto 13-22.

Brindisi rientra più decisa con una difesa più attenta ma gli opinabili falli comminati alle casacche brindisine innervosiscono l’ambiente. Reggio vola nuovamente sul +13. Kadji suona la carica, Reynolds e Harris si scaldano, Brindisi accorcia le distanze, il tabellone indica 25-31. Menetti chiama a se i suoi, gli ospiti prendono fiato e coraggio siglando sette punti di fila. Reynolds chiede il cambio, Zerini accorcia. Si va negli spogliatoi sul 27-38.

Nel terzo periodo Reggio fa valere ancora di più la sua forza, Brindisi tenta di reagire ma Zerini e Gagic commettono il loro pesantissimo quarto fallo. Bucchi mescola ancora le carte ma non è giornata, la palla a spicchi viene respinta dal ferro. Capitan Zerini commette il suo quinto fallo, game over per lui. Termina il periodo 38-54.

Ultimi di gara non hanno molto da raccontare, in campo c’e solo una squadra, Reggio Emilia. Il cronometro scorre troppo lento per gli uomini di coach Bucchi, gli ospiti continuano ad inferire con giocate da maestro complice una Brindisi arrendevole, senza idee. Cala il gelo al PalaPentassuglia, i tifosi affranti abbandonano mestamente il palazzo. Finisce 53-79.

Enel Brindisi cade dinanzi al suo pubblico ed esce tra i fischi di chi l’ha sempre sostenuta e compresa. Banks, questa volta, non è riuscito a ‘mettere una pezza’ agli errori e disattenzione dei suoi compagni, troppo fallosi e poco concentrati in una gara dove gli stimoli erano davvero tanti. Tanti demeriti per Brindisi ma altrettanti meriti ha Reggio: una squadra ben messa in campo, tecnica, muscoli e tanta determinazione sono state le chiavi della vittoria. Brindisi ritrova Reynolds, Scott tenuto ancora in panca ma 53 punti sono troppo pochi per chiudere la pratica. Reggio sale a 16 punti, Brindisi resta a quota 12.

Bucchi nel dopogara appare pensieroso e dispiaciuto: “Una bruttissima partita. Oggi per la prima volta i ragazzi non hanno avuto una reazione. Domani ne riparleremo e cercheremo di capire”.

***

Enel Brindisi – Grissin Bon Reggio Emilia: 53-79

Brindisi: Banks 11, Reynolds 11, Scott, Cournooh, Harris 9, Cardillo, Milosevic, Fiusco, Gagic 11, Zerini 4, Marzaioli, Kadji 7. All. Bucchi
Reggio Emilia: Aradori 15, Bonacini, Polonara 16, Lavrinovic 7, Della Valle 11, De Nicolao 2, Pechacek 5,Strautins 5, Veremeenko 7, Silins 11. Allenatore: Menetti.

Orsola TASSO
Giornalista pubblicista dal 2014 e impegnata nel sociale. Collaboratrice per la redazione de Quotidiano Italiano (Lecce-Foggia) dal 2012 al 2014, redattrice di BrindisiCronaca.it dal 2013 al 2015.

Articoli Correlati

Lascia un commento