Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: Coach Gennaro Di Carlo
ph: A. La Sorte

BASKET A2/m – Niente da fare anche a Trieste: per il Nardò arriva il terzo ko di fila

Terza partita e terza sconfitta per la Pallacanestro Nardò. Nell’infrasettimanale di campionato, i ragazzi di coach De Carlo escono sconfitti anche da Trieste (96-82). Non bastano i 28 punti di Smith.

Nardò parte con Maspero, Smith, Stewart, La Torre e Iannuzzi. Trieste perde Filloy alla vigilia, è in panca per onor di firma. Candussi rompe il ghiaccio con una tripla, un segnale di quello che accadrà spesso nei 40 minuti. Nardò risponde con Stewart e con le penetrazioni di Smith, per tre volte l’americano con la maglia numero 3 taglia la difesa giuliana e tiene i granata nella scia dei padroni di casa. La differenza, però, la fa la vena realizzativa dei triestini dalla distanza lunga, vanno a segno Ruzzier, Brooks e Campogrande (due volte). Nel Nardò entrano prima Nikolic, poi Parravicini e Ferrara, alla difesa aggressiva e un po’ troppo fallosa servono infatti rifornimenti di fiato e lucidità. Finisce 26-21 per Trieste, con sette triple a una nel tabellino.

La squadra con l’alabarda sul petto parte a razzo nella seconda frazione e segna subito il +9. Si fa male Campogrande, sin qui miglior realizzatore dei suoi (9 punti), ma Trieste non si scompone e allunga ancora (+13). Nardò lotta, servirebbe anche qualche centimetro provvidenziale: una palla di Smith in sospensione percorre tutto il ferro ed esce. Immagine che racconta molto di questa partita e forse di questo inizio di stagione per il Toro. L’ultimo minuto del quarto, tuttavia, è tutto granata con un incoraggiante parziale di sette a zero. Si chiude sul 49-41.

I ragazzi di Di Carlo non escono benissimo dagli spogliatoi. Trieste fa subito +19, gli ospiti vanno solo a folate ed evidentemente non basta. I raddoppi della difesa granata favoriscono gli scarichi degli avversari, in giornata di grazia al tiro. C’è una nuova luce, però, nella seconda metà della frazione, con i canestri ravvicinati di Parravicini e Iannuzzi, che consentono di rosicchiare il passivo (-6). Smith e Stewart guidano la resistenza granata e riaprono la contesa. Il finale del terzo quarto è 73-68.

Nei momenti più critici per i giuliani, emergono sempre il talento e il carattere di Candussi e Reyes. Coach Christian si aggrappa a loro. Dall’altra parte qualche imprecisione di troppo, per esempio nei liberi di Iannuzzi. La panchina più lunga di Trieste è un fattore decisivo in un finale in cui serve freschezza. I neretini finiscono sulle ginocchia. Una tripla dall’angolo di Brooks incenerisce definitivamente il Toro, il rientro in campo di La Torre non basta. A due minuti dalla fine il +15 è una sentenza. L’epilogo è 96-82, il copione è già visto. Dopo Udine e Forlì, anche Trieste si dimostra fuori dalla portata di una squadra a cui stasera non bastano quattro uomini in doppia cifra (Smith, Stewart, Iannuzzi e Parravicini) e poco, pochissimo altro.

Il quarto atto di un inizio di campionato severissimo è già domenica. Al Pala San Giuseppe scende la Fortitudo Bologna.

IL TABELLINO

TRIESTE-NARDÒ 96-82
(26-21, 23-20, 24-27, 23-14)

TRIESTE: Reyes 21, Candussi 15, Ruzzier 12, Jameson Brooks 12, Ferrero 12, Deangeli 9, Campogrande 9, Vildera 4, Bossi 2, Filloy 0, Rolli 0, Camporeale 0. All. Christian.

NARDÒ: Smith 28, Stewart jr. 19, Iannuzzi 12, Parravicini 10, La Torre 6, Maspero 5, Ferrara 2, Nikolic 0, Donda 0, Trunic 0. All. Di Carlo.

ARBITRI: Radaelli, Pecorella, Tirozzi.

LEGADUE BASKET – GIRONE ROSSO

RISULTATI (giornata 3): Cividale-Chiusi 82-58, Cento-Piacenza 74-86, Verona-Udine 77-69, Orzinuovi-Rimini 74-70, Trieste-Nardò 96-82, F. Bologna-Forlì 73-63.

CLASSIFICA: F. Bologna, Trieste 6 – Verona, Udine, Forlì, Cividale, Piacenza 4 – Orzinuovi, Cento 2 – Rimini, Chiusi 0.

PROSSIMO TURNO (15 ott.): Udine-Chiusi, Cento-Trieste, Rimini-Verona, Piacenza-Cividale, Nardò-F. Bologna, Forlì-Orzinuovi.