BASKET A2 – Final Four: Jesi beffata, Brindisi esulta e alza la Coppa

Brindisi batte Jesi per 77-74 nella finalissima di Coppa Italia e si porta il trofeo a casa. Una partita condotta sempre dai biancazzurri che sono dovuti scendere in campo senza Ndoja e Renfroe, entrambi infortunati. La Fileni però se l’è giocata fino alla fine riducendo un gap che è viaggiato sulla doppia cifra per buona parte della partita. La squadra di coach Cioppi era scesa in campo galvanizzata dalla sorpresa della prima serata di questo weekend sportivo: quella tripla di Hoover sullo scadere che le ha regalato l’accesso alla finale lasciando a bocca asciutta Scafati. Per l’Enel l’orgoglio di veder premiato come migliore italiano il brindisino doc, Marco Giuri e come Mvp la guardia americana, Jimmy Lee Hunter. Per il primo 16 punti e 7 rimbalzi in 34 minuti per il secondo 19 punti e 7 rimbalzi in 30 minuti.

La cronaca. Brindisi parte ancora con Giuri al posto di Renfroe, Hunter, Maestrello a sostituire Ndoja Callahan e Borovnjak. La Tezenis risponde conMcConnel, Hoover, Migliori, Brooks e Maggioli. Si segna dopo appena 15” con una tripla di Callahan. Altra tripla Maggioli e Jesi passa in vantaggio, risponde Boro e ancora Migliori e Brooks che portano la Fileni a 12- 7, ma sarà per loro l’unico vantaggio di tutta la partita. Dopo il primo time-out chiamato da coach Bucchi ci pensano subito Hunter, Giuri e Maestrello che riportano in sopra il punteggio dei biancazzurri 12-14. Con un devastante parziale di 2-20, grazie a un 100% del tiro da tre, l’Enel chiude il primo quarto 14-27.

Il secondo lo inaugura McCnnel (16-27). E sarà ancora lui a rubare palla ad Hunter e andare facile facile a canestro per il 18-32. Coach Cioppi spinge sulla difesa mettendo in seria difficoltà Brindisi che non riesce più a segnare da fuori e costretta a penetrare inizia a caricarsi di falli. Il momento di tensione costringe Bucchi a chiamare subito time out per evitare di sciupare l’ottimo vantaggio. Ma trascinata da Maggioli e Hoover Jesi mette un parziale di 6-0 interrotto solo da una schiacciata di Zerini. L’Enel ritrova lucidità e una buona circolazione di palla che consente ai brindisini di trovare la giusta misura per limitare una mai doma Fileni. Ma un nuovo parziale (8-2). Il quarto si chiude 31-39.

È nel terzo quarto che Giuri con due triple consecutive riposta il vantaggio in doppia cifra, + 14 Brindisi. Cioppi torna dare la scossa ai suoi con una difesa asfissiante, a 2’28” arriva il terzo fallo per Zerini e una nuova invenzione sulla rotazioni per la panchina pugliese. Il vantaggio per i biancazzurri però regge fino quasi alla fine di questi altri dieci minuti che si chiudono sul +9, 49 58.

L’ultimo quarto è Brindisi, con Hunter, Borovnjak e Giuri che in tre realizzano 8 punti uno dietro l’altro. Sul finire la stanchezza è tanta e i marchigiani ne approfittano per tentare la rimonta fino allo scadere riuscendo a chiudere con una tripla sulla sirena a soli 3 punti di scarto dai brindisini.

Articoli Correlati