Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Frabotta pronto a sfrecciare: “Qui l’occasione per rilanciarmi. Barak me ne ha parlato bene”

Il terzino sinistro del Lecce Gianluca Frabotta, acquistato nel corso della settimana per rafforzare il parco esterni difensivi, è stato presentato questa mattina in conferenza stampa.

La voglia di riscatto è tanta: “Vengo da una stagione difficile, in cui sono stato a lungo fermo, e la mia voglia di riscatto è tanta. Non vedo l’ora di continuare con la preparazione e soprattutto di iniziare a giocare, voglio fare bene per questa nuova maglia con impegno e dedizione”.

L’ex giallorosso Antonin Barak è stato fondamentale per il suo approdo nel Salento: “Antonin mi raccontava spesso di quanto sia stato bene qui a Lecce, sia come città che per i tifosi che tanto sono capaci di darti. Sì, le sue parole hanno pesato nel momento in cui ho parlato con il direttore Corvino, che in un certo senso mi ha scoperto ad inizio carriera. Devo essere sincero, non ci ho pensato su due volte ad accettare il Lecce”.

Il fatto di arrivare in prestito non è un problema: “Questa è una grande opportunità che per me vale tantissimo. Sono in prestito ma, sinceramente, mi sento parte integrante del progetto giallorosso. Ho avvertito la grande voglia del club di portarmi qui e questo ha avuto un peso considerevole”.

Il Lecce è atteso da una Serie A tosta: “Ci aspetta un’annata molto dura e difficile, in cui ogni match sarà una battaglia. Ci toccherà difendere molto, sarà la prima cosa a cui badare anche se nel calcio moderno bisogna saper fare bene entrambe le fasi. L’inizio con l’Inter? Sarà dura, ma prima o poi è una partita che avremmo dovuto affrontare”.

Frabotta dovrà fare il suo per proteggere la porta giallorossa: “Nella mia carriera ho sempre giocato da terzino sinistro o da quinto. Mai da centrale ma sono giovane, duttile e pronto a sacrificarmi. Mi ha dato tanto mister Pirlo, ha saputo valorizzarmi. Ritrovo nel mio ruolo Gallo, affrontato con la Primavera del Bologna. Ci contenderemo un posto da titolare. Bonucci e Chiellini? Ho imparato dando da due come loro. Mi hanno insegnato a curare i dettagli e metterci sempre tanta fame e dedizione”.