ECCELLENZA – Attacchi sterili, giornata di pareggi e di vittorie esterne: il punto dopo la 20ª giornata

Si ferma a sette la striscia di vittorie consecutive per il Casarano che conserva, comunque, il vantaggio di sei punti sul Brindisi. Ritorna a vincere il Gallipoli e si ripropone in zona playoff

passaseo-parata-san-severo-gallipoli ss coribello

Foto: Passaseo (Gallipoli), uno dei protagonisti della vittoria del Gallo a San Severo (©SalentoSport/M. Coribello)

Tre 0-0, quattro pareggi complessivi, tre successi esterni, uno interno, tredici reti in totale: è questo il bilancio del ventesimo turno del campionato di Eccellenza. Finisce 0-0 il big match di giornata, quello che si è disputato al “Capozza” tra Casarano, prima della classe e Barletta, terzo. Si ferma, dunque, a sette, la striscia di vittorie dei rossazzurri, che, comunque, allungano a nove la serie positiva e restano di gran lunga il miglior attacco del torneo con 47 centri all’attivo. Per il Barletta, migliore difesa con 13 reti subite, si tratta del quattordicesimo risultato utile di fila. I biancorossi detengono anche il record di pareggi, nove, al pari dell’Avetrana.

Il Casarano mantiene inalterato il vantaggio di sei punti sulla seconda, perché il Brindisi, nell’anticipo di sabato contro il Vieste, non riesce a far valere il fattore casa e impatta sullo 0-0. Stesso risultato nell’altro anticipo tra Altamura e Corato. Per i neroverdi si tratta di un ottimo punto, che allunga a quattro la striscia positiva. In virtù di questo risultato la Fortis resta agganciata al treno playoff, in coabitazione col Vieste, ma deve guardarsi dal rientro del Gallipoli, che, a San Severo, torna al successo dopo un digiuno durato quattro giornate.

In zona playout riescono ad andare a punti solo la Molfetta Sportiva, che strappa un pareggio in rimonta all’Otranto e il Mesagne, che si aggiudica lo scontro diretto con il Bisceglie. I brindisini danno una boccata d’ossigeno alla propria classifica, ma conservano il triste primato di attacco meno prolifico, 15 le reti messe all’incasso. Sembra una crisi senza soluzione quella del Terlizzi, che, contro il Trani, subisce il quarto ko consecutivo ed è a digiuno di vittorie da sette turni. Ancora peggiore la situazione dell’Avetrana: il 4-0 subito al “Celestino Laserra” dal Molfetta Calcio rappresenta la settima sconfitta consecutiva e porta a 53 il bottino dei gol subiti, peggiore difesa del torneo.

Articoli Correlati