Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CICLISMO – Tricolori di Ciclocross di Lecce, il bilancio di un’edizione storica nelle parole dei protagonisti

Bilancio più che positivo per la 90esima edizione dei Campionati italiani di ciclocross che si sono svolti nello scorso weekend a Lecce, con l’organizzazione dell’asd Kalos. La chiusura dei campionati è stata celebrata con la consegna, da parte del vice presidente vicario della Federazione Ciclistica Italiana, Daniela Isetti, di una maglia tricolore agli organizzatori della Kalos e all’Amministrazione comunale di Lecce, in segno di riconoscenza a chi ha intrapreso l’onere organizzativo di un evento affascinante, ma estremamente complesso e articolato nel dietro le quinte, sia sotto l’aspetto tecnico, che promozionale.

Entusiasti i commenti di chi ha contribuito a mettere in piedi un evento che rimarrà nei ricordi degli sportivi leccesi, e non.

Daniela Isetti (Fci – nella foto ©De Marianis con l’ass. Foresio): “I Campionati Italiani di Ciclocross Lecce 2021 hanno ben rappresentato i valori dell’accoglienza, del lavoro di squadra e della passione verso l’attività sportiva. Un numero di partecipanti ragguardevole, l’impegno della Regione Puglia, della Provincia e del Comune di Lecce, l’organizzazione della Kalos coadiuvata dal comitato regionale FCI Puglia e provinciale FCI Lecce e la competenza del pluri campione del mondo Vito Di Tano, hanno contrassegnato un’edizione 2021 più forte dell’emergenza Covid-19. Questi tricolori vanno in cantiere lasciando una lunga scia di immagini, suoni e colori che ne amplificheranno il ricordo, grazie ad un’attualissima gestione della comunicazione che bene ha rappresentato la modernità di questo pedalare così tradizionale. Un plauso a tutti i partecipanti, ai vincitori e alle vincitrici che si sono dati battaglia lungo un tracciato che ha accarezzato una parte della storia di Lecce, il Parco di Belloluogo, in una città solare e magica”.

Caclo Salvemini (sindaco di Lecce): “La città ha vissuto con grande partecipazione ed entusiasmo i Campionati Italiani di Ciclocross, seguendo le gare in tv e sui social. Tutto si è svolto senza imprevisti e nel rispetto della normativa vigente in materia di prevenzione sanitaria. Siamo felici che i tanti atleti e gli organizzatori presenti, abbiano apprezzato il nostro Parco di Belloluogo, ricco di storia, natura e bellezza. Mi auguro che, pur con le cautele e le restrizioni del caso, tanti abbiano potuto conoscere Lecce e magari pensare di poterci tornare. Ringrazio la Federazione Ciclistica Italiana per aver scelto Lecce e quanti hanno collaborato alla buona riuscita della manifestazione, in particolare la Kalos che lavora sul territorio leccese con costanza e abnegazione alla promozione del ciclocross e dei sani valori dello sport”.

Paolo Foresio (assessore allo Sport del Comune di Lecce): “I campionati italiani di ciclocross sono stati una bellissima festa dello sport che ha visto protagonista oltre agli atleti il nostro bellissimo Parco di Belloluogo, con la antica torre medievale che ha impreziosito le immagini della diretta Rai Sport e sui social seguita da migliaia di persone in tutta Italia. Siamo felici e riconoscenti nei confronti della Federazione Ciclistica Italiana e della Kalos che ha saputo organizzare una tre giorni di spettacolo, sport e amicizia che abbiamo vissuto come il modo migliore per cominciare questo nuovo anno di speranza per una pronta fuoriuscita dal periodo difficile che stiamo attraversando. Rivolgo a tutti un saluto di arrivederci per nuove entusiasmanti collaborazioni”.

Sergio Quarta, presidente Federciclismo Lecce: “Ci abbiamo creduto tutti, istituzioni e non, per portare a termine i Campionati Italiani di Ciclocross che hanno fatto centro sia per l’elevata partecipazione che per il grande spirito di abnegazione e di accoglienza da parte degli amici della Kalos. Abbiamo ripreso a correre con un evento eccezionale e, grazie a questo incredibile successo, il ciclismo di tutta Lecce e provincia può essere fiero di quanto ha fatto e mostrato agli occhi di tutto il movimento nazionale”.

Sergio Carico, Enrico Carico, Udo Corrado (asd Kalos): “Siamo super soddisfatti, tutto è filato liscio e il numero delle presenze, seppur leggermente al di sotto di quanto avevamo previsto, è stato ragguardevole. Vogliamo ringraziare le istituzioni Regione Puglia, Provincia e Comune di Lecce, gli sponsor, i settanta volontari della nostra associazione ed anche coloro che hanno piantato un singolo paletto sul percorso e svolto in maniera maniacale il servizio d’ordine. Un sentito ringraziamento a Sergio Quarta ed anche a Salvatore Bianco, anima viva e padre putativo di tutto il ciclismo salentino, perché la manifestazione è riuscita grazie ad entrambi che sono stati indispensabili nella gestione della parte burocratica. Non possiamo dimenticare Vito Di Tano, il nostro amico e punto di riferimento di questa disciplina, colui che ha realizzato un’opera d’arte dentro il Parco di Belloluogo, tirando fuori quello che si poteva ricavare con il percorso. Qualcuno ha avuto da ridire sul tracciato che ha stremato tutti i partecipanti con la complicità della pioggia. Chi non l’ha provato dal vivo, vedendolo da fuori, se ne farà una ragione. Il percorso ha avuto dalla sua parte una logistica da fare invidia e anche molto vicina al centro storico. Abbiamo anche superato l’ostacolo più difficile con la gestione del Covid-19. Nonostante le critiche sugli assembramenti, i controlli sono stati molto capillari per consentire una rarefazione delle persone visto che l’evento è stato vietato al pubblico. Siamo grati alla Federazione Ciclistica Italiana, alla presenza del vice presidente vicario Daniela Isetti, per l’opportunità che ci ha dato nell’ospitare i Campionati Italiani Ciclocross. Questa 90°edizione la ricorderemo a lungo non solo per il difficile periodo storico che stiamo attraversando ma anche per invogliare le società che fanno attività giovanile di continuare a credere in questa disciplina del cross perché si può praticarla in circuiti ristretti e in sicurezza, oltre a sviluppare alte capacità fisiche indispensabili nella crescita del ragazzo”.