LECCE – Rizzo-day, tecnico e società pronti a ripartire: “Il ko di Alessandria ci ha dato ancora più voglia”

Presidente, ds e allenatore giallorossi hanno parlato delle grandi motivazioni che li hanno spinti a portare avanti con ancor più convinzione il loro progetto

rizzo-robertino-meluso-mauro-lecce ss

Foto: Roberto Rizzo e Mauro Meluso (©Salentosport.net)

Giornata di presentazioni in casa Lecce, dove nel pomeriggio è stato annunciato ufficialmente il progetto tecnico relativo alla prossima stagione il cui inizio è ormai imminente. A partecipare alla conferenza svoltasi nella sala stampa del Via del Mare sono stati il presidente onorario Saverio Sticchi Damiani, il direttore sportivo Mauro Meluso e, in particolare, il tecnico fresco di conferma Roberto Rizzo.

A prendere parola per primo è stato Sticchi Damiani, che ha spiegato le grandi motivazioni che spingono il club di via Costadura a portare avanti il proprio progetto di crescita con l’obiettivo di tornare ai massimi livelli del calcio italiano: “Già dopo il ko in casa dell’Alessandria, gli animi di noi dirigenti e di tutti i soci erano contrassegnati sì dall’enorme delusione, ma al contempo dalla grande voglia di ripartire per fare meglio. Eravamo convinti di essere sulla strada giusta per fare bene, nonostante il cocente risultato finale. Nei giorni successivi ci siamo riuniti con il direttore sportivo e tutti i soci ed è stato deciso di portare avanti un ragionamento in piena continuità, potendo puntare sull’importante punto di partenza di una squadra di proprietà. Mister Rizzo è stata senza indugio la nostra prima scelta non certo perché sia leccese, ma perché è un grande allenatore, e ci è voluto davvero poco per trovare la giusta intesa Il ritiro? Dovrebbe essere a Lorica, mentre per quanto riguarda le altre novità, siamo al lavoro per nuova maglia e abbonamenti”.

E’ stata poi la volta del ds Meluso: “E’ vero ad Alessandria abbiamo perso ai rigori ma non meritavamo di uscire, ed era evidente che la squadra era in una situazione psico-fisica di grandissima crescita. Dopo la gara di Pagani, quella dell’esordio di Rizzo, devo ammettere che ero preoccupato per la condizione dei calciatori, ma le ultime uscite stagionali ci hanno lasciato tantissime certezze. Sono convintissimo che mister Rizzo possa essere il condottiero ideale per perseguire i nostri obiettivi. Quello che possiamo assicurare è che come società effettueremo il nostro massimo sforzo. Blanchard e Perucchini? Il primo non l’ho trattato, mentre il secondo potrebbe arrivare già per il ritiro”.

Ultimo, ma non certo per ordine di importanza, mister Roberto Rizzo, che ha dato qualche informazione su quella che vuole sia la sua squadra: “Innanzitutto ringrazio la società per la fiducia, la sensibilità e per il fatto di mettermi nelle migliori condizioni possibili per operare. Il modulo? Chiederò ai ragazzi flessibilità a livello tattico, anche se di base un canovaccio bisogna averlo e il 4-3-3 è certamente una possibilità importante. Sicuramente quello di poter partire dall’inizio è un vantaggio rispetto a subentrare in corsa, cosa avvenuta nella passata stagione. Si può iniziare a ragionare fin da subito su dei criteri personali e sono estremamente felice di questo. Solo il tempo ed il lavoro svolto su campo diranno se le cose sono state fatte bene ed in modo giusto, e io sono pronto a ripartire”.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già redattore de Il Giornale di Puglia, Tagpress e, dal 2013, di SalentoSport.net.

Articoli Correlati