LA CRONACA – Tre super gol, bel gioco e vetta consolidata. A Siracusa è grande Lecce

I giallorossi tornano a splendere espugnando il campo della quarta della classe. Di Armellino, Di Piazza e Tsonev le bellissime marcature

Foto: (©Michel Caputo)

Dopo le ultime non propriamente esaltanti prestazioni, il Lecce conquista un netto e importantissimo successo per 1-3 sul campo del Siracusa quarta forza del campionato. I giallorossi tentennano solo ad inizio match, divenendo ben presto padroni del gioco, sommando palle-gol a raffica e realizzandone tre di pregevole fattura, esaltati dal sintetico del De Simone che ne agevola le giocate sopraffine. Prosegue la striscia positiva targata Liverani, che consente ai salentini di portarsi momentaneamente a +8 dalla coppia Catania-Trapani, con gli etnei che devono scendere in campo domani pomeriggio.

Gara contratta nelle sue fasi iniziali, con il Lecce che prova a fare la partita senza andare oltre un tiro di Di Piazza ribattuto dalla difesa e il Siracusa che pressa altissimo con l’intento di mantenere i giallorossi nella loro metà campo. Al dodicesimo Liverani perde un pezzo importante del suo undici-tipo: Di Matteo si fa male nel contrasto con Daffara, vedendosi costretto a lasciare il posto a Ciancio. Al quarto d’ora arriva improvviso il vantaggio leccese, al primo tiro in porta del match. L’azione è di quelle da stropicciarsi gli occhi: lancio per Tsonev che libera Torromino al tiro, respinto due volte, ma la seconda palla arriva sul destro di Armellino che di controbalzo batte Tomei. Due minuti ed è risposta Siracusa affidata al puntero Scardina, che di testa gira il cross di Giordano di poco sul fondo. Ancor più ghiotta l’occasione che capita un giro di lancette dopo allo stesso Giordano, il quale sugli sviluppi di un calcio di punizione si ritrova la palla sul destro, ma non trova l’equilibrio nel tiro e spara alle stelle da due passi. Dopo il vantaggio salentino le squadre si aprono e la gara ne guadagna in ritmo e spettacolo. Al 22′ grandissima azione personale targata Di Piazza, che supera De Vito prima di scaricare un potente destro deviato in corner da un super intervento di Tomei. Il raddoppio del Lecce è però solo rinviato e arriva al ventiquattresimo, con lo stesso 9 giallorosso che finalizza al meglio il contropiede impreziosito dalla verticalizzazione di Tsonev scartando Tomei e insaccando a porta vuota. Nonostante il doppio svantaggio, i Leoni non mollano e al ventottesimo impensieriscono ancora Perucchini con un tocco ravvicinato di Liotti su cui è bravo a opporsi Riccardi. Al 38′ spettacolare uno-due al limite dell’area tra Di Piazza e Torromino, il cui diagonale è abilmente deviato in corner dall’estremo locale. Copione simile al quarantaduesimo; stavolta la sponda di Di Piazza libera Pacilli a tu per tu con Tomei, ma il neo entrato trequartista mancino (anche Costa Ferreira ko) tira piano con il piede debole. Non bastano tre minuti di recupero agli aretusei per produrre azioni da gioco rilevanti e il primo tempo termina con il Lecce padrone con merito del match.

Nella ripresa il Lecce ha subito un paio di buoni contropiede a disposizione che non riesce a sfruttare. Al 54′ è così il Siracusa a cercare la porta difesa da Perucchini con Mancino, la cui conclusione dai venticinque metri è respinta dall’attento estremo giallorosso. Al 62′ risposta ospite con un lancio in profondità per Di Piazza bravo a sua volta a servire l’accorrente Armellino per la conclusione in corsa: Tomei devia sul palo e poi in corner. Dall’angolo seguente ecco il tiro dal limite di Tsonev, troppo centrale e bloccato con sicurezza dal portiere azzurro. Il centro del bulgaro giunge comunque due minuti più tardi, ed è di quelli da copertina; Tsonev riceve la palla sulla sinistra, la protegge dal sopraggiungere di Mangiacasale e libera un sinistro volante che va a infilarsi sotto l’incrocio lontano. Quando la gara sembrava ormai in possesso assoluto dei salentini, al settantatreesimo i siciliani la riaprono con Catania, che di testa devia all’altezza del primo palo il corner di Mangiacasale. Ancora il numero 10 siracusano insidioso al minuto settantanove, ma il suo mancino da fuori non trova la porta.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà la Reggina sabato alle 20.30.

QUI IL TABELLINO

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già redattore de Il Giornale di Puglia, Tagpress e, dal 2013, di SalentoSport.net.

Articoli Correlati