TARANTO – A Cerignola arriva la terza sconfitta consecutiva, Cazzarò: “Condizionati dal gol in avvio”

Iannini e Montaldi affondano la truppa rossoblù che raccoglie la terza sconfitta consecutiva. Cazzarò: "Alla squadra serve recuperare energie mentali". Domenica arriva l'Alto Tavoliere

miale-taranto-seried-capriglione

Foto: Le lacrime di Miale (©Capriglione F.)

Il cambio alla guida tecnica non serve al Taranto per lasciarsi alle spalle un difficile inizio di campionato. A Cerignola arriva la terza sconfitta consecutiva in appena quattro gare. I dauni passano dopo meno di venti secondi con un colpo di testa dell’ex Matera Iannini che batte Spataro con un preciso colpo di testa, su cross di Benvenga. Gli ionici di Cazzarò tentato la reazione ma Abbagnale risponde presente prima anticipando un lento Pera; poi parando a terra sulla conclusione di Aleksic.

Un paio di minuti dopo la metà del primo tempo, Montaldi arrotonda il risultato. Veloce contropiede del Cerignola, con Adamo, che mette al centro dove c’è il numero uno ospite che non è impeccabile nella presa. La sfera finisce sui piedi dell’argentino che accetta l’invito a nozze.

Nella ripresa Cazzarò manda in campo Crucitti, Milizia e Ancora rispettivamente per D’Aiello, Giovannini e Aleksic. Le mosse non permettono di rientrare in partita ma, volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, lasciano inalterato il passivo. Il più vivace sembra Crucitti (attuale capocannoniere del Taranto lasciato in panchina) ma non è la domenica giusta per i colori rossoblù. La più chiara occasione da rete arriva ad un quarto d’ora dalla fine: Ancora salta Benvenga e prova un tiro-cross su cui Abbagnale deve fare gli straordinari per rifugiarsi in calcio d’angolo.

Nel dopo gara, Michele Cazzarò si appella al gol subito nei primissimi secondi di partita: “Il lavoro settimanale viene stravolto quando subisci una rete così. La squadra ha giocato meglio nella ripresa e, secondo me, non è da buttare neanche il primo tempo. A parte i gol non ricordo altri tiri in porta da parte del Cerignola. In questo momento il Taranto ha bisogno di recuperare energie mentali. Crucitti fuori? La regola degli under mi ha costretto a tenere un over fuori. Ho scelto lui perchè mi avevamo un problema sulla destra“.


AUDACE CERIGNOLA-TARANTO 2-0
RETI: 1′ Iannini, 24′ Montaldi

AUDACE CERIGNOLA: Abagnale; Ciano, Pollidori, Dellino (90’+2 Ngom), Iannini, Montaldi (73′ Morra), Vicedomini (85’Marinaro), Russo, Adamo (60′ Cappellari), Benvenga, Gambino (66′ Longo). A disp.: Marolo, Portaccio, Di Cillo, Varsi. Allenatore Francesco Farina
TARANTO: Spataro; Miale, Corso, D’Aiello (50′ Crucitti); Giovannini (57′ Milizia), Lorefice (87′ Palumbo), Galdean, Li Gotti; Giorgio (70′ Tandara), Pera, Aleksic (57′ Ancora). A disp.: Pellegrino, Bilotta, Pantò, Rizzo. Allenatore Michele Cazzarò
Arbitro: Sajmir Kumara di Verona. Ass.ti: Vitale e Ricciardi di Ancona
Note: Pomeriggio mite, con cielo parzialmente coperto. Ammoniti: Pollidori, Iannini (AC); Aleksic, Corso, Pera, Li Gotti (T). Recupero: 1’pt, 5’st

Umberto NARDELLA

Nato nel 1976, sposato, lavora nel team IT di una multinazionale americana. Scrive per SalentoSport da diversi anni ed è uno sportivo, nel senso che gli piace vedere gente che fa sport. Innamorato da sempre del calcio, sin da piccolo è stato affascinato dai campi polverosi di paesini sconosciuti. Ogni domenica è buona per andare a vedere una partita di calcio, rigorosamente dilettante.

http://www.salentosport.net

Articoli Correlati