TRICASE – Giorgetti: “Rifiutato proposte dall’Eccellenza, qui per provare a vincere il torneo…”

Domenica super sfida tra i rossoblù ed il Brindisi, l'attaccante: "Sono le partite più belle da giocare, quelle che tutti i calciatori vorrebbero disputare"

giorgetti-colangiulo-alberto

Foto: F. Giorgetti - ©A. Colangiulo

Esordio più bello con la maglia del Tricase Francesco Giorgetti di certo non poteva aspettarselo. Prima partita in rossoblù e subito una tripletta. Per rilanciare prepotentemente le quotazioni della sua nuova squadra, per scacciare via i fantasmi del recente passato. Il divorzio col Novoli, una pagina poco edificante della sua brillante carriera.

Sono stato mandato via per scarso rendimento, una decisione che non condivido assolutamente – sottolinea Giorgetti -. “Ho sempre dato tutto per quella maglia. Lascio dopo settantacinque partite e trentacinque gol, ma senza nessuna scoria da parte mia. Saluto il presidente e i tifosi e auguro loro le migliori fortune”. Novoli il recente passato, Tricase il presente. “Ho rifiutato almeno cinque squadre di Eccellenza e una di Promozione, perché non volevo fare un campionato di metà classifica. Per questo ho sposato il progetto del Tricase. Il presidente Raone, persona serissima, ci ha messo pochissimo a convincermi. Vuole provare a vincere il campionato e credo che con un paio di acquisti ce la possiamo giocare fino alla fine. Il gruppo è già molto buono: un mix affiatato di esperienza e di giovani di belle speranze, tutti tecnicamente molto validi”.

A cui si è aggiunto un calciatore di valore assoluto come Francesco Giorgetti. E il fantasista non ha deluso le aspettative. Tre gol, in cui ha messo in mostra tutti i colpi del suo repertorio. “È stato un esordio con i fiocchi, non me lo aspettavo. Anche perché credevo di perdere un po’ della mia verve tecnica a causa del terreno di gioco reso duro dalla pioggia. Ringrazio i miei compagni per avermi messo in condizione di esprimermi già subito al meglio e per avermi messo a mio agio fin dal primo istante”.

Il campionato di Promozione, una novità quasi assoluta per lui. “Tranne una parentesi di venti minuti con la maglia del Galatina, è un campionato che non avevo mai giocato. Diverso dall’Eccellenza, decisamente meno tecnico, ma ci sono squadre molto forti e altre meno che comunque danno battaglia. È  un torneo molto equilibrato, dove bisogna stare sempre sul pezzo”.

E più che mai sarà indispensabile farlo domenica prossima, quando il Tricase andrà a fare visita alla capolista Brindisi. “Una partita importante, lo dice anche la classifica, la più importante della giornata. Il Brindisi è avversario forte, esperto, una squadra allestita per vincere il campionato. E infatti è in cima alla classifica. Sono le partite più belle da giocare, quelle che tutti i calciatori vorrebbero disputare. Sono fortunato a essere andato a Tricase e a giocarmi una simile opportunità insieme ai miei compagni. Proveremo a dar filo da torcere a questo Brindisi. Daremo il massimo come tutte le domeniche. Confido nei miei compagni che come sempre metteranno cuore e grinta”.   

Articoli Correlati