SAN MARZANO – Il ds Tomaselli promette: “Il nostro un progetto serio e solido”

Tomaselli non è intimorito dal blasone delle future avversarie: "Il passato non scende in campo. La serietà, le motivazioni e le risorse, si".

Il 'Casalini' di San Marzano

Foto: Il 'Casalini' di San Marzano

Un ottimo girone di andata, un buon cammino in Coppa Puglia e la semifinale play-off di Prima categoria hanno fatto venire l’appetito in casa San Marzano. Il progetto sportivo rossoblù è supervisionato dal direttore sportivo Lorenzo Tomaselli, confermato dalla dirigenza sammarzanese anche nella prossima stagione. L’asticella viene spostata in alto, per un campionato importante: “Siamo usciti in semifinale di play-off” – ricorda Tomaselli – “, sbagliando un rigore negli ultimi minuti che ci avrebbe potuto mandare in finale. Ripartiamo da quella partita con maggior convinzione e ambizioni. La dirigenza ha deciso di puntare nuovamente su di me e sull’operato del mister Mimmo Mazza“.

Ridisegnato l’assetto societario: “C’è stato un avvicendamento nella massima carica societaria con l’ingresso di Mario Pisani, già dirigente della Polisportiva San Marzano. Tutti insieme cercheremo di migliorare i risultati ottenuti nella scorsa stagione e cercheremo di far riavvicinare alla squadra il pubblico di casa con delle iniziative“.

Al prossimo campionato si presenteranno squadre dal passato importante come Grottaglie, Manduria e si parla anche del Massafra. Tomaselli non è intimorito dal blasone delle avversarie: “Il passato non scende in campo“, ammonisce il diesse. Poi prosegue: “Siamo consapevoli che gli avversari sono tutti importanti e di rango e che potrebbero attirare i giocatori migliori. Noi abbiamo la consapevolezza di avere valide argomentazioni, risorse ed un progetto serio e solido“.

La rosa non dovrebbe subire stravolgimenti: “Sulla parola abbiamo una buona base di elementi confermati dall’ultimo campionato, nonostante dei tentativi blandi da parte di altre squadre di sottrarceli. Lo stesso dicasi per il reparto under. Ci stiamo già muovendo” – conclude Tomaselli “per dare a Mimmo Mazza un rosa all’altezza e completa in ogni reparto“.

Umberto NARDELLA
Nato nel 1976, sposato, lavora nel team IT di una multinazionale americana. Scrive per SalentoSport da diversi anni ed è uno sportivo, nel senso che gli piace vedere gente che fa sport. Innamorato da sempre del calcio, sin da piccolo è stato affascinato dai campi polverosi di paesini sconosciuti. Ogni domenica è buona per andare a vedere una partita di calcio, rigorosamente dilettante.
http://www.salentosport.net

Articoli Correlati