LEGA PRO – Playoff, inizia a farsi sul serio. Non solo Samb-Lecce, tante le sfide di spessore nella seconda fase

Spicca il derby dal retrogusto di A tra Piacenza e Parma. Altro appuntamento con la storia per la Virtus Francavilla: c'è il Livorno

virtus-francavilla-di-campi

Foto: La Virtus Francavilla (@Di Campi)

Spareggi-promozione, ora si esce allo scoperto. Dopo l’antipasto del primo turno che ha regalato al tabellone i nomi di tutte le restanti partecipanti a quel vero e proprio campionato-bis che sono i playoff 2016/2017 della Lega Pro, tocca anche alle grandi favorite, che per forza di cose sono Alessandria, Parma, Lecce e Matera, scendere in campo, assieme alle reduci dal primo turno che sono alla caccia di conferme. I vari accoppiamenti schematicamente predefiniti mettono l’una contro l’altra compagini agguerrite e tutte di notevole qualità, che daranno vita a sfide dal fascino e dal tasso tecnico spesso di categoria superiore.

Come noto, il Lecce si troverà opposto alla Sambenedettese, squadra solida e con un paio di elementi di grande qualità che punterà tutto sul proprio caldissimo ambiente e dunque sulla gara d’andata. Per il club giallorosso, che conosce purtroppo bene il Riviera delle Palme per averci perso una promozione in Serie A nel lontano 1987, non sarà semplice espugnare l’impianto marchigiano, e di certo i ragazzi di Rizzo dovranno sudare per conquistare il passaggio al turno successivo contro i rossoblù.

La seconda fase playoff offre però anche molto altro. Su tutti i match, spicca Piacenza-Parma, derby emiliano che, oltre a testare l’effettivo stato di forma, apparentemente precario (per la verità nemmeno Alessandria, Lecce e Matera sembrano al top del loro livello stagionale) di una delle candidate al successo finale, l’undici ducale appunto, mantiene quel retrogusto di Serie A conferito alla sfida dai tanti incroci di massima serie registrati tra anni Novanta e Duemila. Per i crociati il compito sarà davvero arduo, e lo stesso si può dire per l’Alessandria, chiamata a superare la sempre ostica Casertana. I campani sono reduci dall’impresa a Siracusa contro una delle squadre che ha sommato più punti nel 2017 dell’intera Lega Pro, a dimostrazione di come l’avvicendamento in panchina tra l’uscente Tedesco e il subentrante Esposito abbia loro giovato. Promette fuochi d’artificio Cosenza-Matera. In entrambi i precedenti stagionali in campionato ha avuto la meglio la formazione di Gaetano Auteri, ma i due 3-2 registrati dimostrano come la sfida sia sempre stata tirata (in entrambi i casi un gol di Negro nei minuti finali ha regalato il successo ai biancazzurri).

Appuntamento con la storia (l’ennesimo), poi, per la Virtus Francavilla. Il passaggio del turno ottenuto a spese del Fondi ha consentito all’undici di Calabro di regalarsi il Livorno, per una sfida impensabile fino a tre anni fa, quando mentre i labronici giocavano in Serie A i salentini lottavano nei piani alti dell’Eccellenza pugliese. Gli amaranto sono reduci dalla sofferta vittoria interna con il Renate, ma soprattutto non perdono da undici gare, risultando una delle squadre (se non “la” squadra) più in forma del momento. Testa a testa alla pari in tutto e per tutto potrebbe essere Reggiana-Juve Stabia: le due squadre sono state protagoniste di una regular season praticamente identica, partendo a mille e calando nel finale, con annesso cambio di allenatore e sofferenza nel primo turno dei playoff. La mina vagante dei quarti di finale potrebbe invece uscire da Giana Erminio-Pordenone, compagini senza pressione ma con comprovate qualità. Chiude il quadro della seconda fase l’incrocio tra le principali sorprese del turno precedente, ovvero Lucchese-Albinoleffe, squadre che non partono da favorite per la promozione ma che, avendo espugnato i campi di due big come Arezzo e Padova, hanno dimostrato di potersela giocare con tutti in gare ad eliminazione diretta, e confermato che nelle sfide dei playoff tutto, o quasi, è possibile.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già redattore de Il Giornale di Puglia, Tagpress e, dal 2013, di SalentoSport.net.

Articoli Correlati