TIRO A VOLO – Rimo e Maglio, Nardò sul tetto italiano di double trap

Nella specialità di tiro a volo, da segnalare anche l'oro di Emanuele Buccolieri, di San Pancrazio Salentino, fra gli "junior"

rimo-michael-maglio-sofia-double-trap

Foto: M. Rimo e S. Maglio

Emirates Green Cup di double trap da ricordare per lo sport neretino. Lo scorso 13 maggio, a Todi (Perugia), medaglie d’oro per due atleti della Tav Jonico Salentina. Fra le “ladies”, palma di migliore in pedana per Sofia Maglio, caparbia nel piegare la concorrenza della scozzese Linda Pearson e dell’azzurra Monica Girotto, le quali hanno completato il podio rispettivamente con un secondo e terzo posto. Oro di categoria anche per l’altro atleta della società neretina, il racalino Michael Rimo, davanti all’indiano Shamsher Singh Chauchan e a Roberto Zallocco.

Da segnalare anche il risultato di rilievo ottenuto da Emanuele Buccolieri, di San Pancrazio Salentino, primo fra gli “junior”. Per la cronaca, oro assoluto per Marco Innocenti, di Montemurlo, già medaglia d’argento ai Giochi di Rio 2016.

Denso di emozione il commento del numero uno della Tav Jonico Salentina, Flavio Maglio, fresco di nomina come presidente regionale dell’Associazione Nazionale Libera Caccia: “Vivo momenti magici, da presidente della società della mia città e da padre (la figlia è Sofia, ndr). Abbiamo versato lacrime di gioia ascoltando l’Inno di Mameli, ripensavamo a tutti i sacrifici compiuti. Sono emozioni che il double trap ti regala e – conclude Maglio – l’auspicio è di continuare su questa strada”.

Lorenzo FALANGONE

Nato 26 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio “M. Campione” 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro “Per dirti ciao”.

Articoli Correlati